FAQ’S GENERALI

HOME/FAQS

DOMANDE E RISPOSTE

Da cosa misuriamo la qualità di un integratore a base di batteri acidolattici?

FAQ Qualità e sicurezza

Origine

Un ceppo batterico di qualità è di origine umana, quindi specie – specifico. Solo batteri di origine umana sono in grado di crescere nell’organismo umano per svolgervi un’azione a lungo termine. I batteri di origine diversa da quella umana possono essere ottimi organismi, economici e di facile reperibilità e utili per la produzione industriale di alimenti fermentati come gli yoghurt ma che spesso non sono in grado di resistere ai succhi gastrici o di formare colonie stabili nel nostro intestino. Bromatech seleziona con attenzione ogni singolo ceppo: inseriamo nelle nostre formulazioni Lactobacilli e Bifidobatteri di esclusiva origine umana.

 

Corretta scelta della miscela

1 + 1 = 2 non è sempre vero in microbiologia: spesso batteri utili per il nostro organismo, se inseriti nella stessa formulazione possono competere tra di loro, eliminandosi o portando questa “guerra batteriologica” fino al nostro intestino. Non esiste una linea guida generale per stabilire il numero corretto di batteri diversi da inserire in formulazione e spesso mix con uno o due batteri sono efficaci più di formulazioni con molti batteri diversi. La soluzione sta semplicemente nella corretta scelta della miscela. Prima di immettere sul mercato un nuovo prodotto o una sua riformulazione, svolgiamo sempre una lunga fase di sperimentazione in modo da fornire al consumatore la soluzione più sinergica, efficace e corretta, nel rispetto delle diverse caratteristiche microbiologiche dei nostri microorganismi.

 

Quantità

Siamo portati a pensare che a quantità maggiore corrisponda un effetto più forte. Questo è vero quando si parla di principi attivi farmacologici, che vengono assorbiti, distribuiti nell’organismo, metabolizzati e infine eliminati. In microbiologia invece la quantità iniziale è solo una delle tante variabili che influenzano la crescita di una colonia batterica e il suo impatto sul microbiota. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e l’organizzazione mondiale di Gastroenterologia (WGO) indicano la quantità di 1 mld di UFC (unità formanti colonia) per dose giornaliera come quantità standard sufficiente e necessaria per ottenere un effetto sulla salute. Non esiste alcuna evidenza scientifica che a quantità più elevate corrisponda un effetto maggiore. I probiotici contengono inoltre batteri vivi, la cui concentrazione può fluttuare durante la fase di conservazione, rendendo difficile assicurare una quantità precisa a scadenza. Bromatech sceglie la trasparenza: rispettiamo le linee guida fornite dagli enti competenti, garantendo per ogni prodotto alla scadenza come minimo 1 mld di UFC per dose giornaliera senza indicare quantità diverse non verificabili dal consumatore.

 

Vitalità dei batteri

Solo batteri vivi e vitali sono in grado di formare colonie e resistere per lungo tempo nel nostro organismo. Per assicurare la quantità corretta a scadenza (indicata come shelf life) è fondamentale usare packaging adeguati che già a partire dalla fase di produzione non subiscano processi di riscaldamento o rimaneggiamento che possano comprometterne la vitalità. È importante poi mantenere il prodotto probiotico in luogo fresco e asciutto: l’umidità, in fase di conservazione, è nemica della vitalità dei batteri. Per questo motivo è necessario seccare i batteri tramite un processo di liofilizzazione ed inserire nella capsula solo ingredienti che presentino bassi livelli di umidità e non possano quindi compromettere la vitalità dei batteri lattici. In Bromatech valutiamo non solo il mix batterico migliore, ma anche la tipologia e le corrette proporzioni di prebiotici, principi attivi e ed eccipienti allo scopo di assicurare sempre condizioni di conservazione ottimali ai nostri microorganismi.

Resistenza al transito gastrico

Produrre una formulazione corretta è solo il primo passo per avere un buon integratore di fermenti lattici. È fondamentale anche scegliere batteri che non solo siano vivi e vitali ma anche in grado di superare in quantità apprezzabili le nostre “barriere d’ingresso”, come l’acidità gastrica e i sali biliari. Mentre la maggior parte degli yoghurt e dei fermenti lattici di prima generazione non resiste all’acidità di stomaco (pH < 3), i batteri acidolattici moderni sono super-ceppi high-performance “nudi” non microincapsulati di quarta e ultima generazione, selezionati per superare il transito gastrico in quantità elevate, resistere allo stress meccanico e avere una lunga conservabilità (shelf life). Nei nostri laboratori selezioniamo dai produttori più qualificati esclusivamente microorganismi in grado di superare in quantità elevate (>80-90%) tutte le naturali difese del nostro organismo e di arrivare indenni fino all’intestino.

 

Probiotici e sicurezza clinica

Tutti i batteri e i lieviti usati a scopo clinico o alimentare vengono analizzati durante tutta la loro storia, dalla scoperta a oggi, per evidenziare se una loro assunzione comporti dei rischi per la salute umana. Sia FDA che EFSA applicano uno status di sicurezza (GRAS in USA e QPS in Europa) che certifica una presunzione di sicurezza del ceppo specifico in tutte le situazioni patologiche di assunzione, salvo eccezioni. Vengono ammessi in tutte le condizioni patologiche numerose specie di Lactobacillus, Bifidobacterium e lieviti come il S. boulardii, anche se per quest’ultimo è consigliabile evitare l’assunzione di prodotti in bustine. Un’ulteriore indicazione di utilizzo riguarda le terapie antibiotiche: gli unici ceppi che possono essere assunti durante una terapia antibiotica senza perdere vitalità sono il S. boulardii e poche specie di Enterococcus faecium. Tutti gli altri probiotici possono essere assunti al termine della terapia antibiotica. Bromatech non solo rispetta le indicazioni di sicurezza previste dalle normative ma si impegna anche ad inserire nelle proprie formulazioni solo ceppi batterici che abbiano dimostrato efficienza e sicurezza clinica e abbiano ricevuto degli status riconosciuti a livello internazionale. 

 

Aderenza del ceppo batterico e interazione con il Microbiota intestinale

Una volta che il nostro fermento lattico ha raggiunto la sua “nicchia ecologica” a livello intestinale, dovrà essere in grado di moltiplicarsi e formare colonie stabili nel tempo. La capacità di aderire all’epitelio intestinale dipende dalla composizione degli acidi grassi presenti sulla membrana cellulare dei batteri e questa composizione ne riflette l’origine. Questo è il principale motivo per cui è fondamentale l’utilizzo di batteri di stretta origine umana. Solo batteri che si sono evoluti adattandosi all’epitelio umano sono in grado di ritrovare il proprio habitat nel nostro intestino ed interagire con il nostro Microbiota. Questo ricco tesoro microbico intestinale (di quasi 1kg e mezzo!) è fondamentale per mantenerci in salute e i batteri forniti attraverso un’integrazione alimentare hanno la “missione” di modularne la composizione. L’identificazione di batteri ad alta capacità di aderenza è uno dei capisaldi della nostra ricerca: Eseguiamo adeguate analisi microbiologiche di aderenza a linee cellulari di cellule dell’epitelio intestinale umano. Selezioniamo inoltre solo ceppi che abbiano dimostrato di essere in grado di interagire in modo costruttivo con il nostro microbiota e prodotti che agiscano in modo mirato verso specifiche alterazioni di questo importantissimo microcosmo.

 

Esperienza e Know-how

Last but not least: produrre un probiotico di qualità è un lavoro che richiede conoscenze tecniche e precisione, ma la risposta dell’organismo all’assunzione del probiotico è sempre individuale e dipende da moltissimi fattori come la dieta, lo stress, l’assunzione concomitante di farmaci, e ovviamente lo stato di salute del nostro Microbiota. Scegliere la miscela probiotica più indicata è un lavoro che va svolto insieme a professionisti della materia, evitando il fai-da-te che spesso non porta alla soluzione migliore. Bromatech, da oltre 25 anni, è specializzata ESCLUSIVAMENTE nella ricerca, nello sviluppo e nella produzione di probiotici. Le nostre formulazioni vengono continuamente migliorate, rifinite e aggiornate anche dopo la commercializzazione, allo scopo di renderle sempre più performanti. Infine, ci affidiamo esclusivamente a professionisti sanitari riconosciuti e preparati durante i nostri numerosi corsi di formazione, per consigliare al consumatore sempre il probiotico più indicato per il suo intestino.